Grooveboxes

1 Da 2
Für die Filterung wurden keine Ergebnisse gefunden!
TOPSELLER!
Roland TR-8S
(15)
Roland TR-8S
da 675,00 € 879,00 €
Immediatamente disponibile
TOPSELLER!
Ableton Push 2
(19)
Ableton Push 2
da 699,00 €
Immediatamente disponibile
TOPSELLER!
Native Instruments Maschine MK3
(19)
Native Instruments Maschine MK3
da 555,00 € 599,00 €
Immediatamente disponibile
Roland Aira Compact T-8
(0)
Roland Aira Compact T-8
179,00 € 209,00 €
Immediatamente disponibile
Novation Circuit Tracks
(0)
Novation Circuit Tracks
355,00 € 399,00 €
Disponibile con breve preavviso
Roland TR-6S
(4)
Roland TR-6S
399,00 € 476,00 €
Immediatamente disponibile
Akai MPC One
(0)
Akai MPC One
760,00 € 959,99 €
Immediatamente disponibile
Roland TR-08
(9)
Roland TR-08
da 444,00 € 499,00 €
Immediatamente disponibile
Roland MC-101
(4)
Roland MC-101
519,00 € 594,00 €
Immediatamente disponibile
Akai Force
(0)
Akai Force
1.199,00 € 1.679,99 €
Disponibile con breve preavviso
AKAI MPC X
(3)
AKAI MPC X
da 1.699,00 € 2.159,99 €
Disponibile con breve preavviso
Roland MC-707
(7)
Roland MC-707
da 999,00 € 1.190,00 €
Immediatamente disponibile
Korg Electribe 2
(9)
Korg Electribe 2
499,00 € 519,00 €
Immediatamente disponibile
Roland MV-1 Verselab
(0)
Roland MV-1 Verselab
665,00 € 809,00 €
Immediatamente disponibile
Akai MPC Studio 2
(0)
Akai MPC Studio 2
199,00 € 239,99 €
Immediatamente disponibile
1 Da 2

Che cos'è un Groovebox?

In poche parole, un groovebox è stato originariamente concepito come un dispositivo all-in-one. Una piccola scatola, con un sequencer e suoni integrati, che fosse veloce e relativamente facile da usare e divertente da suonare. Il concetto è stato introdotto per la prima volta dal produttore Roland nel 1996 con il primo groovebox: Il Roland MC303.

Il concetto funzionò e trovò subito molto interesse. Negli anni successivi tutti i produttori portarono sul mercato le loro idee più o meno riuscite di groovebox e una vera e propria ondata inondò il mercato. Non importa se di EMU, Yamaha, Roland o Korg. Ogni dispositivo aveva i suoi pro e i suoi contro, ma tutti avevano qualcosa in comune: portavano un divertimento musicale veloce e sonicamente decente.

 

Il boom degli anni 2000

Stimolati dal successo ottenuto da Korg con la sua serie MC, tutti i produttori che avevano un nome importante nel settore producevano groovebox e tutti cercavano di superare la concorrenza con nuove idee e funzioni.

Così le groovebox erano piene di numerose innovazioni ed estensioni, come ad esempio:

  • funzionalità di campionatore
  • Pad sensibili alla velocità in stile MPC
  • sezioni di effetti altamente estese
  • possibilità di estendere la generazione sonora interna con chip sonori Rom
  • Emulazioni Scratch
  • Aumento della polifonia fino a 128 voci
  • sequencer e concetti operativi sofisticati

La nota E-Mu Command Station, ad esempio, fa sentire urgentemente la mancanza di un campionatore, ma può fare centro con 128 voci e sofisticate funzioni di sintesi e molti slot di espansione.

Un Roland MC-909 aveva un ampio display, un campionatore e un buon sequencer - purtroppo si poteva inserire solo una scheda di espansione per ottenere nuovi suoni.

Lo Yamaha RS-7000 aveva un campionatore e buoni suoni di fabbrica, ma non pad sensibili alla velocità o slot di espansione. Aveva un'esistenza di nicchia, anche se il groovebox era uno dei meglio equipaggiati.

Forse il concetto operativo un po' più complicato e il prezzo elevato non hanno convinto tutti.

Ma si trattava di carenze note e semmai di lagne di alto livello. Da tutte queste scatole si poteva ricavare musica di grande impatto, e quindi alla fine non furono le carenze di cui sopra a porre fine alle groovebox "classiche", ma semplicemente i suoni datati, la mancanza di effetti e di potenza di elaborazione. Le possibilità offerte dal computer erano semplicemente diventate migliori, più veloci, più facili e più economiche.

Il Groovebox nel 2022

Dopo la fine del millennio e con la crescente potenza delle CPU, l'hardware negli studi grandi e piccoli fu sempre più sostituito dal software. O per lo più una combinazione di hardware, che dovrebbe essere perfettamente integrata nel software.

Di conseguenza, anche la domanda di groovebox come soluzioni hardware pure è diminuita e i produttori si sono ritirati o hanno lanciato ibridi che fondono hardware e software. La potenza è stata assunta dal computer, ma la sensazione di hardware era ancora garantita dall'uso di un controller midi dedicato e perfettamente sintonizzato. Il miglior esempio: La Native Instruments Machine.

Questa macchina è riuscita a combinare entrambe le parti in un pacchetto rotondo e ha ancora un grande successo nel 2022.

Ma c'è anche un produttore che offre ancora "vere" groovebox standalone: Korg con la sua serie Electribe.

Queste casse sono state costruite nello stesso modo per quasi due decenni e migliorate solo nei dettagli e offrono ancora la vera sensazione di una groovebox. Ma anche sotto il cofano, il comfort è stato aumentato nel nuovo decennio. Sono state introdotte le schede SD e invece di registrare diverse uscite in modalità analogica, ora vengono esportate direttamente in Ableton.

Quale groovebox è quello giusto per me?

Questo dipende dall'uso e dalle preferenze. Se cercate una groovebox con suoni personalizzati per divertirvi con sequenze veloci, dovreste scegliere la serie Korg electribe.

Queste sono sempre state disponibili in due versioni diverse. La versione "normale" è progettata come sintetizzatore e si chiama "electribe 2", mentre la "S" corta dietro il nome sta per la versione campionatore. Fondamentalmente si tratta della stessa macchina, ma i campioni possono essere caricati nel dispositivo a piacimento.

Roland fa davvero sul serio con la sua nuova serie Groovebox. Con il Roland MC-101 e l'MC-707, il produttore ha portato di nuovo sul mercato un groovebox classico nel 2019, che funziona completamente in modo autonomo.

Su 4 o 8 tracce è possibile mettere insieme brani a proprio piacimento. Tutto ciò di cui avete bisogno è a bordo: campionatori, effetti dal buon suono e più di 3000! suoni dal leggendario parco suoni Roland.

Se non avete problemi a non lavorare in standalone, la Maschine Native Instruments o Ableton Push sono una buona scelta.

Entrambi sono controller complessi che funzionano bene nell'ambiente DAW e consentono di produrre musica a livello professionale.

Un dispositivo un po' particolare è l'OP-Z di Teenage Engineering. Questo piccolo mini box è una vera e propria workstation in un formato tascabile davvero piccolo, con diverse forme di sintesi integrate e un campionatore. Questo dispositivo è ideale per schizzi mobili o addirittura per pre-produzioni complete.

Con ognuna di queste soluzioni è possibile creare beat e canzoni complete a livello professionale. Dipende sempre e solo da quale testa creativa è seduta davanti alla macchina. Forse voi?

Visto